Adeguamento degli impianti fotovoltaici

Adeguamento degli impianti fotovoltaici
28 aprile 2014 u5r4dmproe5a

 

Adeguamento degli impianti fotovoltaici maggiori di 6 kWp alla delibera AEEG 243/2013/R/ EEL del 06/12/2013

In data 6 Giugno 2013 è stata pubblicata la Delibera AEEG 243/2013/R/EEL dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (di seguito AEEG) “Ulteriori interventi relativi agli impianti di generazione distribuita per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale” nella quale di fatto si richiede l’adeguamento alle prescrizioni del paragrafo 5 dell’allegato A70 al Codice di Rete di Terna. La delibera definisce le modalità e le tempistiche per l’adeguamento degli impianti di generazione

distribuita da fonte rinnovabile e non rinnovabile, alle prescrizioni dell’Allegato A70 al “Codice di Rete (CDT)” di Terna, connessi alla rete di distribuzione.

Gli impianti interessati a tale adeguamento sono quelli

con:

• potenza complessiva superiore a 6 kW , connessi alla rete di Bassa Tensione ed entrati in esercizio entro il 31 marzo 2012 ;

• potenza complessiva fino a 50 kW , connessi alla rete di Media Tensione ed entrati in esercizio entro il 31 marzo 2012.

Detti impianti dovranno rispettare le prescrizioni del paragrafo 5 dell’Allegato A70 garantendo di rimanere connessi alla rete nell’intervallo di frequenza compreso tra 49 Hz -51 Hz e di tensione tra 85% e 110% della tensione nominale misurata ai morsetti del generatore (salvo diverse indicazione del gestore di rete).

I produttori dovranno quindi garantire che tali intervalli di funzionamento siano rispettati sia dalle protezioni di interfaccia che dalle protezioni e regolazioni delle apparecchiature presenti nell’impianto di produzione.

Le tempistiche per effettuare gli adeguamenti sono diverse a seconda della taglia di potenza degli impianti di produzione così definiti:

entro il 30 giugno 2014

  • tutti gli impianti con potenza complessiva superiore ai 20 kW, connessi alla rete di Bassa Tensione ed entrati in esercizio entro il 31 marzo 2012;
  • tutti gli impianti con potenza complessiva fino a 50 kW, connessi alla rete di Media Tensione ed entrati in esercizio entro il 31 marzo 2012.

entro

il 30 aprile

2015

  • tutti gli impianti con potenza complessiva superiore a 6 kW e fino a 20 kW, connessi alla rete di Bassa Tensione ed entrati in esercizio entro il 31 marzo 2012.

In sostanza i produttori interessati, sono tenuti ad attuare i seguenti provvedimenti:

  • intervento tecnico sull’impianto per adeguamento e riprogrammazione ai nuovi parametri di frequenza e tensione su inverter e/o dispositivo di interfaccia (ove presente) ovvero la sostituzione dei medesimi nel caso che gli stessi non risultino

    adeguabili;

  • sottoscrivere un nuovo Regolamento di Esercizio allegando le seguenti documentazioni
    • la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, redatta ai sensi del D.P.R. 445/00 da parte di un tecnico avente competenza specifica, il quale dovrà attestare la rispondenza alle prescrizioni previste dalla delibera AEEG 243/2013/R/EEL;
    • le documentazioni richieste dalla vigente normativa

Le imprese distributrici dovranno effettuare sopralluoghi a campione degli impianti per verificare l’avvenuto adeguamento come dichiarato; qualora i produttori risultino inadempienti alle prescrizioni normative, le imprese distributrici provvederanno al sollecito degli interventi.

Alla scadenza delle tempistiche previste, i distributori provvederanno ad inviare l’elenco degli impianti risultanti adempienti

e non adempienti al GSE e a Terna; per i produttori inadempienti il GSE provvederà a sospendere l’erogazione di eventuali incentivi (Conto Energia, tariffa omnicomprensiva, etc.) e l’efficacia delle convenzioni di ritiro dedicato o scambio sul posto (in pratica sono sospesi tutti i corrispettivi economici periodici erogati dal GSE), fino all’avvenuto adeguamento e consecutiva comunicazione.

Espe Impianti S.r.l offre il servizio di adeguamento previsto dalla Delibera. Non esitate a contattarci qualora vi servissero ulteriori informazioni.

 

e.mail: espe@espe.it;